Agape

Associazione Culturale Sportiva

Consulenze Floriterapiche

Nel corso della storia l’umanità ha cercato rimedi efficaci per ristabilire il proprio equilibrio psicofisico ed energetico. Ed è già nel medio evo che si sviluppò una disciplina oggi chiamata floriterapia, che si basa sul principio secondo cui i fiori hanno la capacità di emanare energie o frequenze in grado di agire direttamente sul sistema energetico di ogni essere vivente. Secondo il pensiero del dott. Bach, essendo la persona al centro e non lo squilibrio, con l’ausilio dei diversi repertori floriterapici, si riacquisisce la capacità di riequilibrare le situazioni negative, ridonando la possibilità di gestire in modo armonico il proprio comportamento e le proprie azioni/reazioni.

La floriterapia vede le sue radici dall’operato del dott. Edward Bach (1886 – 1936), immunologo e microbiologo che ha dato preziosi contributi alla medicina naturale e all’omeopatia.

ESSENZE AUSTRALIANE BUSH FLOWERS

Le essenze floreali australiane Bush Flowers sono state scoperte dal dott. Ian White. L’utilizzo dei fiori australiani risale a diverse civiltà antecedenti al Cristo che ricorrevano alle essenze floreali nei cerimoniali e per ritrovare la salute e l’equilibrio psicofisico. Gli aborigeni australiani ottenevano effetti benefici di una essenza floreale mangiando il fiore intero. La zona più selvaggia del territorio australiano è il Bush Slang che indica la tipica macchia australiana. Un ulteriore fattore relativo allo sviluppo e alla potenza delle essenze floreali del Bush australiano è l’ambiente pulito di cui godono le piante. A differenza di atri vasti territori l’Australia è rimasta praticamente non colpita dalle scorie nucleari e dall’inquinamento chimico.

ESSENSE (FIORI) DI BACH

Bach esemplifica il concetto dicendo che le piante da lui scelte "sono in grado di aprire i canali che permettono una più completa unità tra anima e corpo e che aprono i canali di comunicazione fra il nostro corpo e l'Io superiore e ancora che le vibrazioni positive del nostro io superiore inondano la nostra personalità con le virtù di cui abbiamo bisogno, per poter eliminare grazie ad esse i difetti.

ESSENZE ALASKA

Le essenze floreali dell’Alaska sono state create da Steve Johnson a partire dal 1983, nella catena dell’Alaska Range, le montagne più alte del Nord America. L’Alaska rappresenta una delle terre al mondo meno contaminate dall’azione dell’uomo, la natura è ancora meravigliosamente pura e le piante ed i fiori crescono ancora vitali ed intatti. L’ecosistema solitario e le particolari condizioni atmosferiche di queste regioni, dove le stagioni si alternano velocemente senza sosta, rendono le specie vegetali che abitano questi luoghi, esempi perfetti di vigore, energia vitale, capacità di adattamento e trasformazione. L’energia vibrazionale di questi fiori trasforma il vecchio in nuovo, e catalizza il cambiamento in modo profondo e dinamico. Le piante dell’Alaska infatti, fioriscono su un sottile strato di terreno che giace sotto il permafrost e riescono a crescere anche su terre permanentemente ghiacciate. La loro forza e capacità curativa è unica al mondo.

ESSENZE HYMALAIANE

I Fiori Himalayani sono stati individuati da Tanmaya nel 1990, durante una sua permanenza durata alcuni mesi in una valle Himalayana. L’Himalaya è formata dalla catena montuosa più giovane del mondo e le essenze himalayane, create a circa 3000 – 4000 metri, portano con sé questa energia fatta di vitalità giovanile e di entusiasmo; un’energia che per millenni ha ispirato e sostenuto i saggi e i ricercatori nella loro costante ricerca della verità. Essi si fanno chiamare Flower Enhancers (Catalizzatori); non sono rimedi per qualcosa che è sbagliato nell’uomo, piuttosto il loro lavoro è quello di migliorare ciò che è giusto, facendo splendere le loro luci, o le loro frequenze di vibrazione dentro aree particolari del corpo umano o sistemi d’energia, aprendole e scacciando ogni oscurità, blocco o negatività immagazzinata. La loro azione è quella di stimolare e provocare l’integrità, che è il nostro stato naturale. La natura del corpo è quella di essere un canale aperto per l’energia universale, ed i fiori conservano il ricordo di questa integrità, di questa fioritura. I Fiori Himalayani influiscono direttamente nei vari livelli d’energia controllati dai Chakra, rimovendo i sentimenti negativi e stimolando quelli positivi.

ESSENZE CALIFORNIANE

Richard Kats e Patricia Kaminski, fondatori della FES (Flowers Essence Society), insieme al lavoro di altri ricercatori hanno scoperto più di 150 fiori. Queste essenze lavorano su problematiche specifiche più moderne e attuali, che al tempi degli studi del dott. Bach non erano così preponderanti o non se ne parlava ancora come oggi come i disturbi alimentari e i disturbi derivanti dall’inquinamento ambientale.


N.B.: i consigli floriterapici non sono prescrizioni dietologiche: non sono formulati con riferimento ad uno stato patologico e non mirano al dimagrimento, ma elusivamente a coadiuvare le funzioni psicofisiche dell’individuo.

La floriterapia può essere un valido mezzo per conoscere, scoprire sé stessi e valorizzare le proprie potenzialità spesso celate da schemi comportamentali dannosi e limitanti acquisiti meccanicamente nel tempo. Le essenze floreali sono un rimedio vibrazionale, che agisce in virtù della informazione energetica di cui è portatore. Il concetto di energia e di vibrazione è fondamentale in questo campo perché non è più la materia ad agire ma qualcosa di più sottile e difficilmente misurabile, ma non meno reale. Questi rimedi olistici sono adatti per tutte le età.